Datedea’s Weblog


In nove in un appartamento Covo di clandestini in via Arquà
August 23, 2008, 12:26 pm
Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , , , ,

C’era chi dormiva ancora e chi aveva già ingaggiato una partitina a briscola, di primo mattino. Li hanno trovati così gli agenti della polizia locale che ieri in zona Padova, nell’ambito di una serie di controlli, in applicazione del decreto sicurezza, hanno sequestrato un appartamento affittato a clandestini. Il proprietario dell’immobile è un egiziano di 36 anni: tuttora irreperibile, sulle sue spalle pende una denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per cessione onerosa di immobile a straniero irregolare. Non solo: l’uomo è risultato essere ormai uno specialista di questa attività, dato che già nell’aprile del 2007 era stato denunciato per il medesimo reato. Giovedì pomeriggio una pattuglia del nucleo Radiomobile dei vigili è intervenuta per un controllo: in via Arquà, in un piccolo appartamento di non più di 40 metri quadri, gli agenti hanno trovato quattro clandestini, tutti egiziani, di età compresa fra i 18 e i 38 anni. Nel locale però i posti letto erano almeno nove, a giudicare dai materassi buttati a terra a mo’ di giaciglio e dagli effetti personali rinvenuti dagli agenti. Gli egiziani fermati hanno anche rivelato alcuni dettagli del «trattamento» che ricevevano dal loro padrone di casa. Il «canone di locazione», per esempio, ammontava a 150 euro al mese per un posto letto «condiviso». I quattro inquilini sono ora indagati per mancanza di documenti, mentre all’appartamento sono stati apposti i sigilli.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285233



I nostri auguri alla nuova Unità
August 23, 2008, 12:17 pm
Filed under: leggi internet | Tags: , , , ,

Da ieri è ufficiale: Concita De Gregorio, ex giornalista di punta di Repubblica, toscana di Pisa, classe 1963, è il nuovo direttore de l’Unità. Le faccio – per quel che valgono – i miei auguri più sinceri. Non la conosco. So, per avere letto i suoi articoli, che è una brava giornalista; e per averne viste le foto, che è una bella donna. È mamma di tre bambini, e questo me la rende particolarmente simpatica.Faccio gli auguri anche a l’Unità e a tutti coloro che vi lavorano. Pure questi sono auguri sinceri. Il lettore non si stupisca. Nessun giornalista spera nella cattiva sorte di un giornale, compreso quello più diverso nelle idee. Un po’ per spirito corporativo, e molto perché un Paese è libero solo quando esiste una pluralità di voci. Si può essere su sponde opposte mantenendo rapporti di lealtà e di stima reciproca. Chi fondò il nostro Giornale, lo fondò anche contro un clima culturale e politico allora dominante: ma mai si sarebbe augurato la morte (editoriale) degli avversari. E quando fu ferito dalle Brigate Rosse, Indro Montanelli incontrò più solidarietà fra molti vecchi nemici che non fra molti presunti amici.Detto tutto questo, fra gli auguri che facciamo a l’Unità c’è anche e soprattutto quello di non essere più il giornale che abbiamo visto negli ultimi anni. Ieri, il suo direttore uscente, Antonio Padellaro, ha salutato i lettori con il consueto editoriale d’addio, che viene pubblicato oggi e che sappiamo intitolarsi «Grazie Unità».

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285071



Boxe: Russo e Cammarelle in finale per l’oro
August 23, 2008, 11:58 am
Filed under: notizie oggi | Tags: , , , , , ,

Pechino – Clemente Russo asfalta anche l’ostacolo americano. Il campione del mondo dei pesi massimi batte nettamente (7-1 il finale) lo statunitense Deontay Wilder gigante da quasi due metri. Sicurezza e padronanza, spavalderia e coraggio. Russo si piazza a centro ring e picchia come un dannato. Ci mette un paio di riprese a prendere la giusta misura (la differenza di altezza tra i due pugili sarà di almeno 20 centimetri) ma alla fine della terza è già sul 4-0. E l’apertura del quarto round è una sinfonia per l’azzurro che infila quattro pugni in serie e fiacchia le speranze del pugile Usa. Ora Russo si giocherà la finalissima per l’oro nella categoria 91 kg. Il pugile di Marcianise ritroverà il russo Rakhim Chakhkeiv, già battuto nella finale dei Mondiali dello scorso anno. Nella prima semifinale, Chakhkeiv aveva sconfitto il cubano Osmai Acosta Duarte 10-5. Il combattimento è in programma domani alle 15.21.

Vendicato Damiani “Rino, parli inglese? Allora traduci”. Russo fa il mattatore alla fine del match. Per rispondere a un giornalista Usa che gli chiede del match, precetta tv Rino Tommasi e gli fa fare da interprete. Spiega di non avere avuto difficoltà contro l’acerbo avversario: “Wilder è molto più alto e ho fatto il necessario e sufficiente per batterlo, oggi ero al 70 per cento. Il cento per cento me lo tengo per la finale”. Poi passa alla dedica della vittoria con due destinatari, il suo concittadino Angelo Musone e il tecnico azzurro, Francesco Damiani: “Ai Giochi di Los Angeles nell’84, entrambi persero contro dei pugili Usa.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=284994



Bilanci falsi per 30 mld L’Ue smaschera Prodi
August 23, 2008, 10:13 am
Filed under: news italia | Tags: , , , , , ,

L’esperienza della sinistra al governo nella scorsa legislatura potrebbe presto arricchirsi di un altro primato: quello del «falso in bilancio» più grande della storia, una cifra vicina ai 30 miliardi di euro (sessantamila miliardi delle vecchie lire) con i quali si sarebbero inutilmente «sporcati» i conti pubblici italiani allo scopo di far sembrare peggiore la situazione ereditata dal governo Berlusconi e accreditarsi come risanatori. Di questa cifra Eurostat ha già accertato l’inesistenza di quasi 15 miliardi e, secondo quanto risulta al Giornale, i conti italiani sarebbero «sotto revisione» per quanto riguarda la somma rimanente.

Facciamo un passo indietro: l’indicatore più popolare per misurare la «performance» della politica economica di un governo è l’evoluzione del rapporto fra il deficit e il Prodotto interno lordo. Questa misura è importante sia in senso assoluto (perché se eccede stabilmente il 3% l’Europa apre una procedura di infrazione) sia in senso relativo perché si possono confrontare i comportamenti dei diversi Stati fra di loro e rispetto alla media europea. Ogni governo è «responsabile» degli anni per i quali firma la legge finanziaria che, come è noto, stabilisce spese e entrate per l’intero anno. Pertanto economicamente vengono per convenzione attribuiti al centrosinistra i risultati degli anni dal 1997 al 2001, al centrodestra quelli degli anni dal 2002 al 2006, di nuovo a Prodi gli anni 2007 e 2008.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285023



Inghilterra: la lampadina accesa da settant’anni
August 23, 2008, 10:09 am
Filed under: notizie oggi | Tags: , , , , , ,

Londra – La lampadina più longeva del mondo. Da settant’anni il soggiorno della
famiglia Richardson è illuminato dalla stessa luce, fioca e bassa, ma costante. La lampadina è stata acquistata nel 1938 dal
patrigno del defunto marito della signora Mo Richardson, che ha
segnalato il primato alla stampa inglese: la 60enne donna inglese ha
ereditato la più longeva lampadina del Regno Unito dalla vecchia
casa dei suoceri a Redhill nel Sussex, da dove era stata traslocata
per essere riutilizzata nell’attuale residenza di Cowes, nell’isola sulla
Manica.

Seicento volte più longeva delle altre lampadine La speranza di vita del filamento che produce la luce in media varia dalle 750 alle 1.000 ore. Secondo la signora Richardson, la
settantenne lampadina, sarebbe funzionante da circa 600mila ore. “La luce è sempre stata mediamente fioca ma ha sempre
illuminato le stanze perfettamente. Nel momento in cui si spegnerà
sarò addolorata. La lampadina mi ricorda il mio defunto marito: è
come se lui mi stesse guardando ancora dall’alto”, ha dichiarato la
signora Mo al tabloid Daily Express.
La proprietaria ha affermato di essere talmente legata all’oggetto
da volerlo lasciare in eredità anche a sua figlia Tracey di 37 anni e al
figlio Lee, di 34.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285011



Sheva: bidone al Milan Ora arriva un difensore
August 23, 2008, 9:20 am
Filed under: notizie oggi | Tags: , , , , , , ,

Come non detto: il ritorno di Andriy Shevchenko al Milan salta. Definitivamente, a dare ascolto alle parole scolpite ieri dai club interessati, Chelsea e Milan appunto, tornati a discutere sulle modalità del trasferimento. Scoperto il motivo della rottura senza possibilità alcuna di rammendare lo sbrego: gli uomini di Abramovich pretendono per la cessione dell’ucraino una cifra consistente, intorno ai 15 milioni di euro, i dirigenti di Silvio Berlusconi tengono fermo il punto del prestito gratuito con diritto di riscatto fissato per la stagione successiva. Non è una differenza di poco conto: a leggere bene tra le righe delle due opzioni contrattuali si capisce che il diritto può essere o meno esercitato dal Milan dopo aver valutato, sul campo, le condizioni di Sheva e il suo promesso recupero mentre l’obbligo del riscatto, preteso dal Chelsea, è un modo furbo per dilazionare nei successivi 12 mesi il pagamento fissato tra l’altro a una cifra considerata alta dal club rossonero. A titolo gratuito si può riaccogliere un vecchio amico in crisi col proprio club, una cifra eventuale può e deve essere utilizzata per le esigenze effettive di Ancelotti.

Col diktat del Chelsea, il negoziato naufraga in modo clamoroso proprio nel giorno destinato alla sua virtuale conclusione. Il ritorno di Sheva, dall’Ucraina, infatti invece di spianare la strada alla firma dell’intesa finisce col complicare l’affare. Galliani non si muove da Napoli, al seguito della squadra impegnata in un torneo amichevole, da Londra le informazioni passate da Peter Kenyon fanno capire che non c’è margine per un accordo.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=284886



Dalai Lama incontra la Bruni. L’ira di Pechino
August 23, 2008, 9:08 am
Filed under: notizie milano | Tags: , , , , , , ,

Pechino – Dopo l’intervista del Dalai
Lama a Le Monde, a proposito della presunta sparatoria contro un gruppo di dimostranti tibetani da parte della
polizia cinese, e la successiva smentita sul numero effettivo delle vittime, sono arrivate le prime reazioni ufficiali dalle autorità della
Repubblica Popolare. “In questa zona non c’è stata alcuna protesta repressa nel sangue” ha dichiarato un anonimo funzionario governativo di Garze, città a
maggioranza tibetana nella provincia sud-occidentale cinese del Sichuan. Stesso diniego da parte di un portavoce della polizia, sempre
della prefettura di Garze, il quale ha escluso che ci siano state manifestazioni del genere nel corso della settimana.
Da parte del ministero degli Esteri cinese persiste invece un rigoroso “no comment”. Ieri comunque lo staff del leader spirituale buddhista aveva negato che questi avesse parlato dell’eliminazione di centoquaranta
manifestanti; il Dalai Lama, era stato precisato, si era limitato ad affermare di “avere soltanto sentito parlare della notizia, ma di non
avere la possibilità di verificarla con controlli incrociati”.

Incontro con Carla Bruni La premiere dame francese Carla
Bruni-Sarkozy è arrivata al tempio buddista di Lerab Ling a Roqueredonde nell’Herault, nel sud della Francia. Dopo la cerimonia
d’inaugurazione del tempio in presenza del Dalai Lama, la Bruni ha incontrato il capo spirituale buddista a porte chiuse.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285003