Datedea’s Weblog


Napoli, provocatori di destra cercano di avvelenare il clima – Interni
November 1, 2008, 10:16 pm
Filed under: italia tua | Tags: , , , , , ,

giovani di destraNella contestazione pacifica e serena contro il decreto 133 si registrano purtroppo a Napoli delle azioni di disturbatori finalizzate ad avvelenare il clima. È successo in maniera evidente nella giornata di lunedì, quando si sono registrate delle aggressioni da parte di studenti di destra ai danni di alcuni partecipanti all’assemblea nella facoltà di Giurisprudenza dell’Università Federico II. Martedì l’attività di contestazione è ripresa con una assemblea che si è svolta in un clima più sereno di quello del giorno precedente anche se la rabbia per l’aggressione di lunedì era ancora forte. Non a caso gli studenti dell’«Assemblea di giurisprudenza», movimento trasversale di studio sulla riforma Gelmini, hanno letto un comunicato stampa per riportare l’attenzione sui gravi episodi di cui si sono resi responsabili alcuni ragazzi di destra. «La violenza è stata il frutto di provocazioni da parte di alcuni gruppi di Azione studentesca e di Forza nuova che hanno ostacolato il normale svolgimento dell’assemblea che stava andando avanti in tutta tranquillità» ha spiegato Claudia, una dei portavoce del movimento. Ecco allora come sono andati i fatti secondo la versione dei ragazzi dell’«Assemblea di giurisprudenza». Un gruppo di studenti di Azione Studentesca, hanno iniziato a disturbare l’assemblea pubblica del movimento. Invitatati a non disturbare e partecipare alla discussione, per tutta risposta hanno aggredito con schiaffi uno studente dell’assemblea.

Fonte: http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=80374

Advertisements


Rifiuti, in carcere chi li abbandona. Ma solo se è campano
November 1, 2008, 10:11 pm
Filed under: notizie oggi | Tags: , , , , ,

E adesso siamo arrivati alle leggi “ad regionem”: ovvero, al decreto che vale solo in Campania. Chi abbandona rifiuti ingombranti per strada e viene colto in flagrante può essere arrestato. Ma solo se vive a Napoli, Caserta, Avellino, Benevento o Salerno. In tutto il resto d’Italia si può tranquillamente buttare un materasso o una lavatrice senza paura di finire in galera. «Finora – spiega il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Guido Bertolaso – chi abbandonava a piazza del municipio un materasso o un elettrodomestico rischiava una multa di 25 euro. Con il decreto di oggi si prevede la condanna da sei mesi a 3 anni di reclusione, e con l’arresto in caso di flagranza. Questo però vale solo per la Campania».Pugno duro anche con i Comuni che non raccolgono la spazzatura: «Con un decreto del ministero dell’Interno e su proposta del sottoscritto – spiega ancora Bertolaso – sarà possibile commissariare i Comuni che non adempiono al proprio dovere in materia di raccolta di rifiuti».Tutto rimandato, invece, per altri pericolosi soggetti come i writers. La norma che punisce chi scrive sui muri sarebbe dovuta arrivare già nel decreto sui rifiuti, ma, come spiega la ministra dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, le norme «potrebbero più opportunamente entrare nel pacchetto sicurezza allo studio del governo». Un graffito non è questione di muri puliti, è roba da ordine pubblico.

Fonte: http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=80489



Conto alla rovescia negli Usa L’addio di Bush: andate a votare
November 1, 2008, 9:41 pm
Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , , , ,

È iniziato il conto alla rovescia in America. In un angolo dello schermo, l’emittente americana Cnn ha già in sovrimpressione il count down: mancano tre giorni, sette ore e ventitré minuti alla chiusura dei seggi in Virginia, Georgia, Indiana, Kentucky e South Carolina, tutte roccaforti repubblicane dove i democratici di Barack Obama sperano di fare risultato. Da lì a un’ora, le due della notte in Italia, probabilmente conosceremo il nome del prossimo presidente americano. Obama ha in programma di passare l’intera giornata di domenica in Ohio, con un comizio-concerto a Cleveland con Bruce Springsteen. Gli ultimi comizi sono in programma in Florida e Virginia, lunedì, la vigilia del voto. Sempre che non cambi la scaletta per fare una visita fuori programma alla Pennsylvania, dove l’avversario sta recuperando terreno e la partita potrebbe essersi riaperta. E intanto George W. Bush dà il suo commiato agli americani mentre il suo Dick Cheney ha dato il proprio appoggio ufficiale al senatore dell’Arizona John McCain. Bush rispettando un bon ton presidenziale ha solo fatto un appello al voto, che suona però particolarmente rivolto alle orecchie dell’elettorato repubblicano più scontento, chi per la performance della candidata numero due Sarah Palin, chi per le posizioni meno ortodosse dello stesso McCain o della sua veneranda età.«Dopo mesi di un’appassionata campagna, ora è arrivato il momento per gli americani di prendere un’importante decisione per il futuro del nostro paese».

Fonte: http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=80512