Datedea’s Weblog


Crisi in Libia, Berlusconi: «Inaccettabili le violenze sui civili»
March 30, 2011, 11:22 am
Filed under: Uncategorized

Quasi contemporaneamente ai due Mirage sono giunti a La Valletta due elicotteri civili con a bordo sette persone, di cui una sola con i documenti, che hanno detto di essere Francesi, dipendenti di una compagnia petrolifera in Libia 19:00 Italia, alto il livello di attenzione degli aeroporti militari Tre elicotteri dell’aviazione dell’Esercito italiano, in una immagine di archivio.

Ahmed Elgazir, un operatore per la difesa dei diritti umani, ha affermato che la Lnc ha ricevuto oggi una telefonata di richiesta d’aiuto da parte di una donna «testimone del massacro in corso e che è riuscita a chiamare tramite un telefono satellitare», mentre le linee telefoniche in Libia risultano bloccate ed è quindi impossibile verificare le informazioni.

Centinaia di stranieri in attesa di lasciare il paese dopo Scontri a Tripoliche la rivolta popolare ha raggiunto Tripoli, dove stanotte «è stato terribile, spari da tutte le parti e una fiumana di gente per le strade anche dei quartieri residenziali», ha detto all’ANSA Albert C., direttore di una società francese raggiunto per telefono all’aeroporto.

Dalle autorità, i centri del potere o Gheddafi stesso, al sesto giorno di rivolta nessuna parola: non verificabili, da parte di un alto esponente libico, le notizie di un gruppo di «estremisti islamici» che avrebbe preso in ostaggio poliziotti e civili nell’est del Paese.E se Bengasi è in fiamme e il caos regna in Cirenaica, il lembo orientale del Paese centro di dissenso e opposizione da sempre spina nel fianco del colonnello, la rivolta sembra viaggiare veloce anche verso Tripoli a mille chilometri di distanza.

Fonte:
http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2011/02/21/AN5vHPlE-governo_fiamme_guerra.shtml

Advertisements


vuole scuotere la politica
March 4, 2011, 12:42 pm
Filed under: Uncategorized

«Il passaggio dal piano di rientro al ridisegno della rete ospedaliera non può significare l’epifania del localismo, dei piccoli interessi notabilari, di un rivendicazionismo che è incapace di guardare ad una seria pianificazione territoriale, senza una rete di servizi socio-assistenziali capaci di drenare gran parte della domanda di salute.

Fiore ha ascoltato tutti, ha partecipato a decine di consigli comunali, ha incontrato i sindacati e ha tenuto ogni livello di concertazione: ha offerto loro la visione di chi non intende effettuare solo tagli, sapendo che il sistema ha una provvista finanziaria diminuita di oltre 300 milioni di euro, ma ha ragionato su percorsi alternativi all’ospedalizzazione.

Abbiamo tenuto in questi anni il disavanzo sanitario sotto il livello di guardia e siamo stati l’unica regione del Centrosud a non essere commissariata, abbiamo messo in sicurezza pezzi del sistema e attivato infrastrutture tecnologiche che hanno consentito per la prima volta di stabilizzare la mobilità passiva.

Come volevasi dimostrare e l’ennesima figura della casta ,fanno finta di dimettersi sapendo che verranno respinte,la vergogna e con lo stipendio che questi signori prendono al mese (intorno ai 200000€)il 72% dei pensionati INPS prendono mediamente € 13000 all’anno.e un operaio settore privato al sud guadagna lordo quando lo pagano circa € 18000 annui,non parliamo del TFR un op.dopo 35 anni se ha la fortuna di lavorare prenderebbe € 35000 lordi questi signori dopo 5 anni prendono una liquidazione abnorme in piu hanno diritto a un vitalizio di € 5000 al mese qualcuno dira che era una legge voluta da fitto votata bipartisan ma che questi sig, che ci governano da oltre 6 anni si son ben guardati da eliminare,percio smettetela una buona volta di prenderci in giro,quacuno dira che ci azzecca tutto questo con la sanita signori ci azzecca e come morte nostra vita loro della CASTA.

Fonte:
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=402128&IDCategoria=11