Datedea’s Weblog


Contro Scafati riparte la scalata della Prima Veroli alla promozione
May 9, 2009, 8:01 pm
Filed under: nbc news | Tags: , , , , , , , ,

Gli occhi dei riflettori sono naturalmente tutti puntati sulla Prima Veroli, che questa sera alle 18.15 ospita al “Città di Frosinone” l’Harem Scafati, degna protagonista di quella sorta di finalissima promozione andata in scena al PalaMasnago domenica scorsa ed ora favorita d’obbligo nel tabellone play-off.

«C’è voluto qualche giorno per smaltire la delusione di domenica sera – ci spiega coach Andrea Trinchieri al termine della seduta di allenamento del sabato – ma la settimana è stata vissuta su un crescendo emotivo che ci pone nelle giuste condizioni per affrontare la difficile gara di domani (oggi ndr)».

Gara, la prima dei quarti di finale, da giocarsi anch’essa al meglio delle cinque partite, che vedrà i ciociari confrontarsi con la nona ed ultima classificata nella griglia play-off, l’Harem Scafati, che con i ciociari ha un 1-1 in campionato.

«Quella campana è squadra che però non possiamo assolutamente sottovalutare – spiega coach Trinchieri – in primis per i suoi quattro americani in roster (due di questi, Salvi e Lenzly, sono naturalizzati europei ndr) e in una serie lunga la loro esperienza e qualità può incidere molto».

Fonte:
http://www.basketnet.it/news/104884/contro_scafati_riparte_la_scalata_della_prima_veroli_alla

Advertisements


Conto alla rovescia negli Usa L’addio di Bush: andate a votare
November 1, 2008, 9:41 pm
Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , , , ,

È iniziato il conto alla rovescia in America. In un angolo dello schermo, l’emittente americana Cnn ha già in sovrimpressione il count down: mancano tre giorni, sette ore e ventitré minuti alla chiusura dei seggi in Virginia, Georgia, Indiana, Kentucky e South Carolina, tutte roccaforti repubblicane dove i democratici di Barack Obama sperano di fare risultato. Da lì a un’ora, le due della notte in Italia, probabilmente conosceremo il nome del prossimo presidente americano. Obama ha in programma di passare l’intera giornata di domenica in Ohio, con un comizio-concerto a Cleveland con Bruce Springsteen. Gli ultimi comizi sono in programma in Florida e Virginia, lunedì, la vigilia del voto. Sempre che non cambi la scaletta per fare una visita fuori programma alla Pennsylvania, dove l’avversario sta recuperando terreno e la partita potrebbe essersi riaperta. E intanto George W. Bush dà il suo commiato agli americani mentre il suo Dick Cheney ha dato il proprio appoggio ufficiale al senatore dell’Arizona John McCain. Bush rispettando un bon ton presidenziale ha solo fatto un appello al voto, che suona però particolarmente rivolto alle orecchie dell’elettorato repubblicano più scontento, chi per la performance della candidata numero due Sarah Palin, chi per le posizioni meno ortodosse dello stesso McCain o della sua veneranda età.«Dopo mesi di un’appassionata campagna, ora è arrivato il momento per gli americani di prendere un’importante decisione per il futuro del nostro paese».

Fonte: http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=80512



I nostri auguri alla nuova Unità
August 23, 2008, 12:17 pm
Filed under: leggi internet | Tags: , , , ,

Da ieri è ufficiale: Concita De Gregorio, ex giornalista di punta di Repubblica, toscana di Pisa, classe 1963, è il nuovo direttore de l’Unità. Le faccio – per quel che valgono – i miei auguri più sinceri. Non la conosco. So, per avere letto i suoi articoli, che è una brava giornalista; e per averne viste le foto, che è una bella donna. È mamma di tre bambini, e questo me la rende particolarmente simpatica.Faccio gli auguri anche a l’Unità e a tutti coloro che vi lavorano. Pure questi sono auguri sinceri. Il lettore non si stupisca. Nessun giornalista spera nella cattiva sorte di un giornale, compreso quello più diverso nelle idee. Un po’ per spirito corporativo, e molto perché un Paese è libero solo quando esiste una pluralità di voci. Si può essere su sponde opposte mantenendo rapporti di lealtà e di stima reciproca. Chi fondò il nostro Giornale, lo fondò anche contro un clima culturale e politico allora dominante: ma mai si sarebbe augurato la morte (editoriale) degli avversari. E quando fu ferito dalle Brigate Rosse, Indro Montanelli incontrò più solidarietà fra molti vecchi nemici che non fra molti presunti amici.Detto tutto questo, fra gli auguri che facciamo a l’Unità c’è anche e soprattutto quello di non essere più il giornale che abbiamo visto negli ultimi anni. Ieri, il suo direttore uscente, Antonio Padellaro, ha salutato i lettori con il consueto editoriale d’addio, che viene pubblicato oggi e che sappiamo intitolarsi «Grazie Unità».

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285071