Datedea’s Weblog


In nove in un appartamento Covo di clandestini in via Arquà
August 23, 2008, 12:26 pm
Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , , , ,

C’era chi dormiva ancora e chi aveva già ingaggiato una partitina a briscola, di primo mattino. Li hanno trovati così gli agenti della polizia locale che ieri in zona Padova, nell’ambito di una serie di controlli, in applicazione del decreto sicurezza, hanno sequestrato un appartamento affittato a clandestini. Il proprietario dell’immobile è un egiziano di 36 anni: tuttora irreperibile, sulle sue spalle pende una denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per cessione onerosa di immobile a straniero irregolare. Non solo: l’uomo è risultato essere ormai uno specialista di questa attività, dato che già nell’aprile del 2007 era stato denunciato per il medesimo reato. Giovedì pomeriggio una pattuglia del nucleo Radiomobile dei vigili è intervenuta per un controllo: in via Arquà, in un piccolo appartamento di non più di 40 metri quadri, gli agenti hanno trovato quattro clandestini, tutti egiziani, di età compresa fra i 18 e i 38 anni. Nel locale però i posti letto erano almeno nove, a giudicare dai materassi buttati a terra a mo’ di giaciglio e dagli effetti personali rinvenuti dagli agenti. Gli egiziani fermati hanno anche rivelato alcuni dettagli del «trattamento» che ricevevano dal loro padrone di casa. Il «canone di locazione», per esempio, ammontava a 150 euro al mese per un posto letto «condiviso». I quattro inquilini sono ora indagati per mancanza di documenti, mentre all’appartamento sono stati apposti i sigilli.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285233

Advertisements


Dalai Lama incontra la Bruni. L’ira di Pechino
August 23, 2008, 9:08 am
Filed under: notizie milano | Tags: , , , , , , ,

Pechino – Dopo l’intervista del Dalai
Lama a Le Monde, a proposito della presunta sparatoria contro un gruppo di dimostranti tibetani da parte della
polizia cinese, e la successiva smentita sul numero effettivo delle vittime, sono arrivate le prime reazioni ufficiali dalle autorità della
Repubblica Popolare. “In questa zona non c’è stata alcuna protesta repressa nel sangue” ha dichiarato un anonimo funzionario governativo di Garze, città a
maggioranza tibetana nella provincia sud-occidentale cinese del Sichuan. Stesso diniego da parte di un portavoce della polizia, sempre
della prefettura di Garze, il quale ha escluso che ci siano state manifestazioni del genere nel corso della settimana.
Da parte del ministero degli Esteri cinese persiste invece un rigoroso “no comment”. Ieri comunque lo staff del leader spirituale buddhista aveva negato che questi avesse parlato dell’eliminazione di centoquaranta
manifestanti; il Dalai Lama, era stato precisato, si era limitato ad affermare di “avere soltanto sentito parlare della notizia, ma di non
avere la possibilità di verificarla con controlli incrociati”.

Incontro con Carla Bruni La premiere dame francese Carla
Bruni-Sarkozy è arrivata al tempio buddista di Lerab Ling a Roqueredonde nell’Herault, nel sud della Francia. Dopo la cerimonia
d’inaugurazione del tempio in presenza del Dalai Lama, la Bruni ha incontrato il capo spirituale buddista a porte chiuse.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=285003



Genova: paziente in ospedale coperto di formiche
August 2, 2008, 4:31 pm
Filed under: news su internet | Tags: , , , , , ,

Genova – Scoperta da film horror nel capoluogo ligure. Un paziente del presidio ospedaliero San Carlo di
Genova sarebbe stato trovato ricoperto di formiche.
Dopo la segnalazione sono giunti sul posto i carabinieri del Nas di
Genova, che hanno trovato alcune formiche ancora sul corpo
dell’uomo.

Stavano disinfestando Era in corso una disinfestazione dalle
formiche nella sala degenti da quattro posti letto del reparto di
Chirurgia. Lo ha
confermato la dottoressa Fiorella Bagnasco, dirigente medico
dell’ospedale del ponente di Genova: “La presenza di formiche era
stata segnalata nella sala degenza il 31 luglio – ha ribadito la dirigente –
Abbiamo chiamato i disinfestatori dell’Asl. Hanno fatto il loro lavoro,
mettendo le esche. Il primo del mese, cioè ieri, la situazione era
sotto controllo ed abbiamo continuato a tenere i degenti nella
stanza”. Durante la notte, invece, le formiche hanno abbandonato i loro nascondigli e sono uscite allo scoperto. “La figlia del degente ha
chiamato la polizia – ha proseguito Bagnasco – Sono intervenuti i
Nas. Abbiamo immediatamente ordinato un’altra disinfestazione. I
pazienti sono stati temporaneamente spostati. Seguirà una
profonda pulizia. Quindi i pazienti torneranno ai loro letti”

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280522