Datedea’s Weblog


Higuain fa piangere ancora il Napoli: la Juventus espugna il San Paolo
December 8, 2017, 10:05 pm
Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , ,

Marco Gentile  La Roma piega la Spal Una rete del grande ex Gonzalo Higuain ha permesso al Napoli di sbancare lo stadio San Paolo. La Juventus sale a quota 37 punti, a meno uno dagli azzurri Colpo gobbo della Juventus di Massimiliano Allegri che sorprende il Napoli di Maurizio Sarri allo stadio San Paolo. Mattatore dell’incontro il grande ex, il più odiato tra i tifosi azzurri: Gonzalo Higuain che non doveva giocare ma che alla fine è sceso in campo ed ha fatto ancora male alla sua ex squadra, come fatto anche nella passata stagione

Advertisements


San Vittore, il cappellano: “È disumano”
January 31, 2009, 11:25 am
Filed under: leggi internet | Tags: , , ,

La chiamano «saletta ricreativa» a San Vittore. Ci sono perfino due pappagallini. «Sono due volte in gabbia» sorride l’ispettore di polizia penitenziaria. Ma non è un commento amaro, il suo. Sta in quel carcere da trent’anni, ma non si sente «dentro». «Si è fatto un ergastolo», dice qualcuno. Ma è solo un luogo comune: «Io sono come tutti gli altri, fuori di qua ho la mia vita, una mia famiglia». Anzi, «sono fortunato – dice – di questi tempi non è poco avere un lavoro sicuro come questo. «Sviluppiamo degli anticorpi a San Vittore». Non è un modo di dire: «Parlo delle malattie, di quel che entra qua dentro». Il sesto raggio è il «girone dei torturati» del carcere milanese. Sono 474 uomini. E la tortura è il sovraffollamento. «Allora i torturati siamo anche noi», dice un agente riferito alla denuncia dell’altro giorno del giudice Giuseppe Grechi. San Vittore era all’avanguardia, 130 anni fa, quando è stato costruito. Secondo le teorie criminologiche in voga le celle singole scoraggiavano promiscuità e «contagi» delle inclinazioni al delitto. Ora in quelle celle vivono in otto o in nove. L’assegnazione dei nuovi arrivi – anche 30 alcune sere – è un’opera di «geopolitica», ammette l’ispettore: «Per evitare tensioni cerchiamo di mettere insieme detenuti della stessa nazionalità.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=324870